FIUME SALVATORE
 
ARTISTA OPERE MOSTRE IN ASTA
 

Salvatore Fiume, pittore, scultore, architetto, scrittore e scenografo, nasce a Comiso, in Sicilia, il 23 ottobre 1915. Dopo i primi studi a Comiso, frequenta con ottimi risultati la Scuola d‘Arte: a otto anni ama disegnare, a sedici anni vince una borsa di studio che lo porta ad Urbino al Regio Istituto d‘Arte del Libro. Nel 1936, terminati gli studi, Salvatore Fiume si trasferisce a Milano per mettere a frutto le conoscenze delle tecniche di stampa acquisite ad Urbino e per dipingere. Nel 1938, si trasferisce ad Ivrea, assunto dalla Olivetti, come Art Director della rivista "Tecnica e Organizzazione" e due anni dopo si sposa. Allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, Salvatore Fiume viene richiamato come Ufficiale di Fanteria. In contatto con gli amici milanesi, Salvatore Quasimodo, Dino Buzzati e Raffaele Carrieri, oltre a disegnare e dipingere, scrive, si occupa di letteratura ed ottenne il primo successo con il romanzo autobiografico, scritto durante la vita militare, "Viva Gioconda!", pubblicato a Milano nel 1943. Il lavoro alla Olivetti non gli lascia abbastanza tempo per dedicarsi alla pittura, che è la strada che Fiume sogna di percorrere e, nel 1946, si licenzia e si trasferisce a Canzo, vicino a Como, dove in una filanda dell‘Ottocento, installa il suo studio d‘artista che trasformerà, negli anni successivi, nella sua dimora abituale. Salvatore Fiume Via Dino Buzzati 1949 Salvatore Fiume Isola di Statue 1949 Dopo una prima mostra tenuta nel 1946 sotto falso nome, finalmente Salvatore Fiume espone, nel 1949 alla Galleria Borromini, originalissime opere con la sua firma: le sue "Isole di Statue" e "Città di Statue" che suscitando molto interesse della critica. L‘anno dopo, la Biennale di Venezia, lo invita ad esporre il trittico "Isola di Statue" (ora nei Musei Vaticani) e la una rivista americana "Life" gli dedica la copertina. Alfred H. Barr Jr., durante la mostra alla Borromini, acquista un‘opera del giovane pittore per il Museo d‘Arte Moderna di New York e, la collezione Jucker di Milano, segue il suo esempio acquistando un altro suo dipinto. Fra il 1949 e il 1952, Salvatore Fiume completa un ciclo di dieci grandi dipinti sul tema: "Le avventure, le sventure e le glorie dell‘antica Perugia" nei quali è evidente la lezione dei Pittori del Quattrocento, ora esposti a Perugia nella Sala Fiume di Palazzo Donini. Nel 1950 il grande architetto Gio Ponti gli commissiona un enorme dipinto (48x3 m) destinato alle pareti del salone di prima classe del transatlantico Andrea Doria, che affonderà nel 1956:in esso Fiume rappresenta una immaginaria città rinascimentale ricca di capolavori italiani del Quattrocento e del Cinquecento. Nel 1953, Salvatore Fiume è ormai un artista quotatissimo, le riviste Life e Time gli commissionano, per le loro sale di riunione di New York, una serie di opere raffiguranti una storia immaginaria di Manhattan e della Baia di New York, che Fiume reinventa come Isole di Statue. Le partecipazioni a mostre collettive di Salvatore Fiume si succedono con regolare frequenza, in Italia che all‘estero. Parallelamente, esegue pitture murali, affreschi, mosaici e scenografie; appartengono a questo tempo di produzione le decorazioni eseguite negli anni dal 1950 al 1953 per i transatlantici "Giulio Cesare" e "Andrea Doria". Salvatore Fiume San Francesco d‘Assisi Salvatore Fiume con le rocce dipinte in Etiopia Negli anni Sessanta Salvatore Fiume continua a produrre nuovi lavori e ad esporre in molte città in una mostra itinerante composta da cento quadri. Nel 1967 Salvatore Fiume lascia la sua impronta nell‘arte mondiale con un grande mosaico che decora l‘abside della Basilica dell‘ Annunciazione a Nazareth. Nel 1973, accompagnato dall‘amico fotografo Walter Mori, Fiume soggiorna in Etiopia, nella Valle di Babile, dove dipinge con vernici marine, un gruppo di rocce e, l‘anno dopo, per la grande Antologica al Palazzo Reale di Milano, l‘artista realizza un modello, a grandezza naturale, di una sezione delle rocce dipinte in Etiopia, occupando quasi interamente l‘enorme Sala delle Cariatidi. Nella stessa occasione presenta per la prima volta la "Gioconda Africana", ora custodita nei Musei Vaticani con altre 32 sue opere.

 
 
Cliccate qui x info .
 
Spaziointelvi11
 
artinterni.com N° 24...
 
Mostra...
 
Galleria arte capital
 
Artemoderna.com Casa d'Aste
Presso la galleria ArteCapital viale Venezia, 90 -25123 Brescia
Tel.: 030 37 52 682 Fax.: 030 42701 Cell. 3385689569
Partita Iva : 04300890961
 
Home | Modulistica | Chi Siamo | Le Aste | Compra Subito | Aggiudicazioni | Artisti | Contatti | Registrazione | Link | Riservata

Questo sito utilizza cookie.
Visitando questo sito web si autorizza l' impiego di cookie. Per informazioni dettagliate sull' impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".
Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su OK si accetta la nostra Policy sui cookie.


OK  -  "Maggiori informazioni"