12/11/2018 - 09/12/2018 Clicca qui per vedere l‘Asta n° 75 Domenica 9 Dicembre ore 17.30 presso la Galleria Arte Capital di Brescia. Catalogo disponibile su richiesta - artecapital1@libero.it DIRITTI D‘ASTA 22% Tel.+39 030 375 2682 Fax+39 030 42701-+393385689569
 

FABBRI AGENORE
 
ARTISTA OPERE MOSTRE IN ASTA
 

Agenore FABBRI (1911-1998) Sulla sua vocazione per la scultura ha avuto un’influenza determinate l’attività del padre, artigiano del metallo, nel fabbricare armature e altri oggetti di metallo. Ultimo di quattordici figli, si iscrive all’Istituto d’Arte di Pistoia, ma si esercita da solo nella scultura nella suggestione, anche spirituale, della scultura romanica e gotica del Trecento toscano. Dal ‘33 lavora ad Albisola pirma in una fabbrica di ceramica poi nello studio di Tullio Mazzotti: la scultura di terracotta avanguardistica di Tullio d’Albisola lo spinge ad esercitasi nella terracotta policroma, che sarà la sua attività aritistica dominante fino agli anni ‘50. Nel 1940 tiene la sua prima mostra personale alla Galleria Gian Ferrari di Milano e poi, nel 1943, alla Quadriennale di Roma. Durante la seconda guerra mondiale combatte sul fronte jugoslavo e poi nella Resistenza. La violenza irrazionale, la crudeltà della guerra, il dolore umano, diventano il tema principale e ossessivo della sua opera, caratterizzata da un’insistita drammatizzazione espressionista (Donna del popolo; La madre, 1947). è invitato alla Biennale di Venezia del 1952 con una sala personale. Dalla metà degli anni ‘50 si trasferisce a Milano e abbandona quasi completamente la terracotta per il bronzo e il ferro: al dolore umano si sovrappone il tema della sofferenza degli animali (Rissa di cani; Insetto atomizzato) e il nuovo terrore della distruzione atomica che incombe sull’umanità (Uomo di Hiroshima). Negli anni ‘70 i cicli delle gabbie e dei muri introducono i dubbi dell’uomo moderno sui sistemi della scienza e dell’economia, incarnando nella scultura riflessioni più politiche e sociali. Contemporaneamente, accanto ai consueti temi drammatici, affiora il motivo della speranza, simbolicamente raffigurata nell’amore tra l’uomo e la donna. Negli anni ‘80 rallenta la sua attività di scultore per dedicarsi alla pittura, vissuta dall’artista come espressione di una ritrovata gioia di vivere. Nasce la serie dei Giardini pubblici che identifica nello spazio pubblico il luogo della vitalità gioiosa e l’immagine si traduce in una libera e informale esplosione di colori.

 
 
Asta n° 45 ArtInterni.Com.
 
Galleria arte capital
 
VIDEO
 
mostre aste eventi
 
asta n 63....
 
Artemoderna.com Casa d'Aste
Presso la galleria ArteCapital viale Venezia, 90 -25123 Brescia
Tel.: 030 37 52 682 Fax.: 030 42701 Cell. 3385689569
Partita Iva : 04300890961
 
Home | Modulistica | Chi Siamo | Le Aste | Compra Subito | Aggiudicazioni | Artisti | Contatti | Registrazione | Link | Riservata

Questo sito utilizza cookie.
Visitando questo sito web si autorizza l' impiego di cookie. Per informazioni dettagliate sull' impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".
Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su OK si accetta la nostra Policy sui cookie.


OK  -  "Maggiori informazioni"