MASCHETTA MARIO
 
ARTISTA OPERE MOSTRE IN ASTA
 

MARIO PASCHETTA Le opere di Mario Paschetta da subito creano interesse sia per la tecnica che per la costruzione pittorica, fanno discutere la sua pittura–non pittura, le originali rappresentazioni aprospettiche, la astrazione-antiastrazione. Trento Longaretti, indiscusso maestro della pittura del nostro Novecento, ne riconosce l’originalità, la capacità, attraverso un linguaggio personale, di descrivere un mondo poetico. Nel 2001 si tiene una importante mostra personale al Museo Nazionale di Arte Moderna di Gazzoldo degli Ippoliti (Mn) e in quell’occasione Maurizio Sciaccaluga evidenzia una particolarità nell’arte di Paschetta, ovvero quella di indurre nell’osservatore il desiderio di toccare materialmente le opere, poiché il suo paesaggio, rappresentativo di terre lontane nel tempo, è “paesaggio non raccontato ma ricreato” ed il suo linguaggio si traduce in una necessità di contatto come in “una sorte di pittura braille”. Enrico Giustacchini evidenzia un’altra particolarità e peculiarità, cioè una costruzione del paesaggio che passa attraverso una stratificazione verticale, definita “inconsueto sondaggio verticale”. Non solo critici d’arte si interessano del lavoro di Mario Paschetta. Nel 2003 Ruggero Sicurelli, sociologo e psicologo che si occupa di creatività artistica, pubblica un libro dal titolo Elementi di Psicoanalisi dell’Arte - Freud e la Creatività Artistica nel quale, analizzando il lavoro di Paschetta, rileva la “metafora freudiana dell’archeologia, in forza alla quale lo psicoanalista si occupa dell’analisi stratigrafica dell’anima”. Mario Paschetta nasce a Milano nel 1949 e inizia a dipingere all’età di 14 anni: la sua è una pittura tradizionale seppure già compare una corposità materica . La frequentazione degli ambienti culturali milanesi, tra i quali il Bar Jamaica a Brera, lo porta ad entrare in contatto, sia pure come spettatore, con i numerosi artisti che lo frequentano, molti dei quali contribuiranno a scrivere pagine importanti della storia dell’arte italiana. In seguito, nonostante l’allontanamento, per motivi professionali, dalla pratica della pittura, continua la sua frequentazione dell’ambiente artistico e delle gallerie d’arte. Nel 1992 inizia uno studio approfondito sulla materia, sia in termini di materiali che di utilizzo, e traspariranno così sulle tele gli influssi che hanno avuto artisti del calibro di Burri, Crippa, Mattioli. Le opere di Mario Paschetta sono presenti in diverse collezioni private e pubbliche e molte sono le partecipazioni alle principali mostre d’arte italiane. Importanti, nel 2003, la partecipazione alla manifestazione indetta dall’Associazione Mare Nostrum per l’inaugurazione della “Fortezza del mare” all’isola della Palmaria di Portovenere (SP) sotto l’alto patrocinio della Presidenza della Repubblica e, nel 2004, la partecipazione alla Prima Biennale dell’Unità d’Italia presso la Reggia di Caserta. Le opere di Paschetta suscitano sempre maggiore interesse anche all’estero e nel 2003- 2004 vengono scelte dalla multinazionale giapponese Citizen quali testimonial per la propria campagna pubblicitaria . Segue nel 2005 a Lecco una importante mostra personale presso i Musei Civici cittadini, nella splendida cornice storica della Torre Viscontea, per poi approdare a Torino, in occasione delle Olimpiadi Invernali 2006, all’interno di una importante rassegna espositiva dal titolo I grandi Maestri del ‘900 ed i nuovi linguaggi della contemporaneità svoltasi presso il Villaggio Olimpico, che ha visto la presenza di grandi firme del Novecento come De Chirico, Mirò, Rotella, Marini. Significativa, sempre nel 2006, la mostra personale Oltre Tannoiser tenutasi nella sede estiva di Sirmione del Garda della galleria B&B di Mantova. Da segnalare, tra gli eventi del 2007, la mostra pubblica Nel segno della materia tenutasi presso il Comune di Valdagno, nei Civici Musei (Villa Valle). Il 2008 si apre con l’importante mostra collettiva Traguardo nella sede del Parlamento Europeo di Strasburgo, a seguire la partecipazione alla II edizione della Biennale Arti dell’Unità d’Italia nel Centro Monumentale di San Leucio a Caserta. Significativo l’evento Appunti di un viaggiatore lombardo curato da Anna Caterina Bellati,una mostra racconto, che vede Paschetta alla scoperta di luoghi del territorio lombardo. Una mostra che, partendo da Valmadrea (Lc) ,presso il Centro Culturale Fatebenefratelli ,risale il lago di Como fino a Palazzo Pretorio in Chiavenna (So) , per poi chiudersi alla Mediateca Comunale di Imbersago (Lc ) celebrando quel fiume Adda, tanto caro a Morlotti. Nel mese di Agosto partecipa alla XI edizione di OPEN al Lido di Venezia, Mostra Internazionale di Scultura ed Installazioni in contemporanea col Festival del Cinema. Il 2008 si chiude con due eventi altrettanto importanti: il primo, dal titolo Il vuoto e le forme, a Chiavenna (So) dove dipinti, sculture ed installazioni, in parte provenienti da XI OPEN, sono collocate nelle piazze e nei palazzi pubblici della città; il secondo presso il Comune di Solza (Bg), ospitato nel Castello Colleoni, dal titolo 3D landscape, inserito nel programma delle celebrazioni del 25° anniversario della Fondazione Parco Adda Nord, patrocinate dalla Regione Lombardia e dalle tre province interessate di Milano, Bergamo e Lecco. Nel 2009, oltre alla partecipazione alle principali manifestazioni fieristiche di settore, espone a Parigi al Palais Jena, sede dell’Assemblea Europea di Sicurezza e Difesa – Assemblea dell’Europa Occidentale, all’interno di una mostra collettiva istituzionale dal titolo Agazzi Jena Parigi 2009. A seguire la mostra collettiva al Museo Parisi–Valle di Maccagno (Va) nel contesto del “Premio Maccagno”. Successivamente, nel mese di ottobre, Paschetta è presente a Lugano, nella sede UBS (Unione Banche Svizzere) con una mostra personale dal titolo Percorsi, a cui fa seguito, nel mese di dicembre, nella città di Torino, un’importante mostra pubblico-istituzionale negli spazi dell’Associazione Azimut titolata Mario Paschetta IN TURIN, che si inserisce nel contesto della XII edizione di “IO ESPONGO” sotto l’egida di Contemporary Arts Torino Piemonte, nella quale l’artista milanese è impegnato in opere di grande formato e suggestione. Un ritorno a Torino dopo l’esperienza del 2006 alle Olimpiadi Invernali presso il Villaggio Olimpico. Da ricordare, inoltre, la partecipazione a due eventi di importanza nazionale: Flogisto al Palazzo dei Congressi di Roccamonfina (Ce) e Italica presso il MAUI - Museo delle Arti dell’Unità d’Italia a Teano. Mario Paschetta lavora e abita ad Inzago, in provincia di Milano. Hanno scritto di lui: Dalmazio Ambrosioni, Marco Annunziata, Paola Artoni, Gianni Barachetti, Lucio Barbera, Anna Caterina Bellati, Stefania Briccola, Daniela Bordogna, Rossana Bossaglia, Alessio Calestani, Aldo Camerini, Fabrizio Colonna, Marco Corradini, Elisa Cremonesi, Vittorio Gallo, Athos Gemignani, Enrico Giustacchini, Simona Ladu, Trento Longaretti, Fausto Lorenzo, Stefano Maffini, Antonino Minniti, Luigi Rigamonti, Enzo Santese, Anna Maria Savarino, Luca Savarino, Marta Savaris, Maurizio Sciaccaluga, Ruggero Sicurelli.

 
 
Ludek Moudry.-
 
n° 61 Artinterni Asta
 
Asta n° 57 artinterni.com.....
 
Asta n° 35 ArtInterni.com .
 
Mostra...
 
Artemoderna.com Casa d'Aste
Presso la galleria ArteCapital viale Venezia, 90 -25123 Brescia
Tel.: 030 37 52 682 Fax.: 030 42701 Cell. 3385689569
Partita Iva : 04300890961
 
Home | Modulistica | Chi Siamo | Le Aste | Compra Subito | Aggiudicazioni | Artisti | Contatti | Registrazione | Link | Riservata

Questo sito utilizza cookie.
Visitando questo sito web si autorizza l' impiego di cookie. Per informazioni dettagliate sull' impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".
Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su OK si accetta la nostra Policy sui cookie.


OK  -  "Maggiori informazioni"