ARTE SACRA I
 
ARTISTA OPERE MOSTRE IN ASTA
 

Iniziamo col definire cosa significa "sacro": nel mondo ebraico, greco e latino il concetto di "sacro" indicava qualcosa di "separato", di totalmente altro dall‘uomo, ovvero la sfera del divino. La sacralità infatti non si configurava come qualcosa di morale, ma come una qualità che assumeva chi entrava in contatto con Dio.

Si puo‘ definire sacra un‘opera rappresentante un evento (sacro) delle scritture, od uno o piu‘ personaggi (sacri) legati alla storia del cristianesimo? Non e‘ sufficiente: un rappresentazione generica e‘ solo un‘opera classificabile come "soggetto sacro". La sacralita‘ come espresso precedentemente, e‘ una qualita‘ assunta nel momento in cui si crea un reale contatto con la sfera divina. Il concetto sembra semplice, ma in termini pratici come possiamo distinguere un‘opera d‘arte sacra da un‘opera a soggetto sacro? Essenzialmente l‘opera d‘arte sacra deve avere una corrispondenza diretta con le sacre scritture. Le sacre scritture sono tali poiche‘ redatte su ispirazione di Dio (quindi tramite un contatto tra la divinita‘ e chi le scrisse) e descrivono le parole e la vita di Cristo. Sono, in essenza, il vero punto di contatto tra l‘uomo e Dio. Per tale ragione il riferimento dell‘arte sacra alle scritture non e‘ una semplice manifestazione di "coerenza" od un mero "tradizionalismo", ma la componente vitale ed essenziale che rende sacra un‘opera che, altrimenti, sarebbe una semplice RAPPRESENTAZIONE del sacro. Solo se l‘opera contiene le stesse caratteristiche e gli stessi contenuti delle sacre scritture allora e‘ pienamente SACRA.

Quali sono queste caratteristiche e quali i contenuti? Il CONTENUTO e‘ cio che l‘evento descrive: i personaggi coinvolti, i gesti compiuti, l‘ambientazione. Prendiamo ad esempio, dalla Genesi, l‘episodio dell‘ospitalita‘ di Abramo, immaginando un quadro rappresentante tre angeli in visita presso la tenda di Abramo: stanno colloquiando con lui, alle spalle di Abramo scorgiamo, all‘ingresso della tenda, Anna, sul suo volto un‘espressione che tradisce un misto di timore, reverenza ed incredulita‘. Sul fondo potremmo scorgere un paesaggio con molte quercie (l‘evento si svolege nella localita‘ chiamata Mamre, famosa per le sue quercie) e sotto una di essa una tavola apparecchiata, il servo di Abramo, in secondo piano, sta lavorando l‘agnello da servire in pasto. I contenuti ci sono tutti, ma le caratteristiche delle sacre scritture trovano qui corrispondenza? Se il quadro e‘ rappresentato come una scena in reale svolgimento sotto i nostri occhi (pensiamo ad esempio ai quadri di Caravaggio), il contenuto e‘ presente, ma non le caratteristiche. Facendo un passo indietro, e‘ bene specificare quali caratteristiche intendo e sul come trovano corrispondenza in un MEDIUM differente quale e‘ l‘immagine rispetto alla parola.

Le sacre scritture hanno una caratteristica unica ed essenziale: un duplice valore, sono SIA simboliche, SIA descrittive. Interpretare i testi sacri considerandoli solo simbolici significa ridurli ad un testo allegorico e non concretamente avvenuto nella storia umana. La venuta di Cristo potrebbe essere paragonata, secondo tale filosofia, a poco piu‘ di una favola. All‘opposto dello spettro troviamo un altro grave errore interpretativo qualora cercassimo di analizzare le scritture solo da un punto di vista "descrittivo": tale scelta ci metterebbe davanti ad un testo "storico" narrante episodi avvenuti migliaia di anni fa, interessante dal punto di vista storico-antropologico e filologico, ma che difficilmente puo‘ essere fonte di sostegno e d‘insegnamento per l‘uomo oggi, che vive un contesto storico totalmente diverso da quello della Palestina di 2000 o 3000 anni fa.

Le scritture sono quindi sia simboliche che storiche. Questa caratteristica trova corrispondenza nell‘arte solo se le rappresentazioni artistiche utilizzano sia il simbolo sia la descrizione. Un quadro che descrive nei dettagli l‘ospitalita‘ di Abramo, con dovizia di particolari nel paesaggio, con cura per la correttezza prospettica e la resa spaziale dell‘atmosfera, con attenzione per l‘anatomia dei personaggi, con virtuosismo nella resa delle vesti… rimane comunque una interpretazione esclusivamente DESCRITTIVA dell‘episodio, a prescindere della squisitezza dell‘opera. L‘arte sacra DEVE avere anche spazio per il simbolo. L‘arte sacra tradizionale, in cui inseriamo l‘iconografia, puo‘ essere riconosciuta come pienamente SACRA proprio perche‘ pur descrivendo "alla lettera" cio‘ che avviene nelle scritture, utilizza le sue stesse caratteristiche ricorrendo ad una descrizione simbolica (stilizzazione) delle forme, dei colori, delle prospettive, delle anatomie. La nostra storia dell‘arte bolla l‘iconografia come "primitivismo" proprio perche‘ non coglie la funzionalita‘ dell‘arte liturgica e non comprende la necessaria corrispondenza tra simbolo scritto e simbolo tradotto, in pittura, nella stilizzazione.

Tracciata questa distinzione tra Arte Sacra ed arte a soggetto sacro, possiamo ora iniziare a comprendere cio‘ che successe all‘arte liturgica nel corso degli eventi che hanno caratterizzato il "rinascimento culturale" europeo. Alla fine del 1200, non vi era sostanziale distinzione tra l‘arte prodotta in Occidente ed in Oriente. Il colloquio tra le due chiese era tuttavia tumultuoso e proprio mentra si stava iniziando ad approfondire il dibattito sul valore teologico dell‘arte e sul come correttamente intenderla e preservarla, le due chiese arrivarono allo stallo ad alla crisi che porto‘ alla scissione. La Chiesa orientale continuo‘ ad indagare sul valore sacramentale dell‘arte, sviluppando una teologia organica e profonda. Le guerre iconoclaste orientali furono il crogiuolo in cui grandi teologi indagarono la teologia dell‘immagine.

In Occidente cio‘ non avvenne, la Chiesa di Roma decise di dare alle immagini un semplice ruolo "educativo" a favore di coloro che non erano in grado di leggere e presto l‘utilizzo combinato di descrizione e simbolo non fu piu‘ necessario; prese piede un nuovo modo di rappresentare il sacro, piu‘ emozionale e teatrale, piu‘ libero da simbolismi. Giotto si affaccio‘ al mondo dell‘arte ed ebbe grandissimo successo, spingendo la ricerca artistica verso nuove direzioni. Inizio‘ l‘indagine sulla prospettiva, sulla resa atmosferica, sull‘anatomia correttamente rappresentata, su nuove tecniche che permettessero nuove rese cromatiche. Venne introdotto l‘uso dell‘olio come medium per i colori per poterli mantenere freschi e malleabili per maggior tempo. Risultati prima irraggiungibili con l‘utilizzo di tempere, furono possibili grazie al lento processo di asciugatura della pittura all‘olio.

Ma l‘Occidente ha perso irrimediabilmente la possibilita‘ di capire ed accedere all‘Arte Sacra? No. Il primo passo da compiere e‘ aquisire le informazioni necessarie ad un primo approccio con essa (comprendere, appunto, dove porre una linea distintiva tra arte Sacra ed arte a soggetto sacro); il secondo passo da fare e‘ collocare correttamente l‘arte Sacra all‘interno del piu‘ vasto panorama artistico mondiale. Come precedentemente specificato, l‘arte e‘ Sacra solo se esprime le caratteristiche ed i contenuti delle Sacre scritture e l‘arte occidentale ha subito una "deviazione" solo nel 1200, producendo cio‘ che, essenzialmente, e‘ arte a soggetto sacro… ma questo non significa che l‘arte a soggetto sacro abbia "soppiantato" l‘arte sacra come i mammiferi hanno soppiantato i dinosauri 65 milioni di anni fa. Coloro che sostengono questo tipo di approccio "evoluzionistico" all‘arte, non comprendono che‘ l‘arte sacra e‘ svincolata da tale logica perche‘ (come detto all‘inizio) e‘ "separata", basata su scritture che sono sempre odierne grazie all‘uso della descrizione e del simbolo.

L‘arte sacra ci parla oggi, come parlava 800 anni fa e come ancora OGGI parla nelle chiese orientali. E‘ un patrimonio comune della chiesa indivisa, strumento liturgico e ponte ecumenico. Finestra sul divino e veicolo di preghiera, contatto con la realta‘ divina.

Pensare che sia "superata" e "folkloristica" significa mettere sotto la stessa luce le Scritture, tacciandole ora come "allegoriche" ora come "storiche". L‘arte pienamente SACRA e‘ scrittura fatta in forme e colori.

 
 
asta n 48.
 
artecapitalitalia.com
 
Ludek Moudry.-
 
Galleria arte capital
 
ASTA N°36 ARTINTERNI.COM...
 
Artemoderna.com Casa d'Aste
Presso la galleria ArteCapital viale Venezia, 90 -25123 Brescia
Tel.: 030 37 52 682 Fax.: 030 42701 Cell. 3385689569
Partita Iva : 04300890961
 
Home | Modulistica | Chi Siamo | Le Aste | Compra Subito | Aggiudicazioni | Artisti | Contatti | Registrazione | Link | Riservata

Questo sito utilizza cookie.
Visitando questo sito web si autorizza l' impiego di cookie. Per informazioni dettagliate sull' impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".
Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su OK si accetta la nostra Policy sui cookie.


OK  -  "Maggiori informazioni"