RICHTER GERHARD
 
ARTISTA OPERE MOSTRE IN ASTA
 

Gerhard RICHTER (1932)


Gerhard Richter è nato per Horst Richter e Hildegard a Dresda il 9 febbraio 1932. Dopo aver sposato l‘anno prima, Gerhard era il loro primo figlio, con una figlia, Gisela, arrivando nel 1936. Horst Richter, con il quale Gerhard non ha avuto un rapporto stretto, era un insegnante in una scuola secondaria a Dresda. 1 Hildegard era un libraio, e come suo padre, un pianista di talento. Era appassionato di letteratura, e trasmesso il suo entusiasmo e le conoscenze per il giovane Gerhard. Erano, per molti aspetti, una media famiglia borghese. In un‘intervista con Robert Storr, Richter ha descritto la sua vita di famiglia come prima. "Semplice, ordinata, strutturata - la madre suona il pianoforte e il denaro padre guadagnare" 2

Nel 1935, Horst è stato offerto un posto in una scuola di Reichenau, allora una parte di Sassonia, ora Bogatynia in Polonia. La famiglia si trasferirono in città, che era molto più piccolo e meno stimolante di Dresda. 3 Mentre vivono qui era molto più sicuro per dimostrare di essere a Dresda, quando è iniziata la guerra, forse ha segnato l‘inizio di un progressivo deterioramento del rapporto tra Horst e Hildegard. Il ceppo è risultato maggiore quando Horst era arruolato nell‘esercito tedesco e se ne andò a combattere sul fronte orientale prima, poi il fronte occidentale, dove è stato successivamente catturato dalle forze alleate e detenuto in un campo di prigionia americano di guerra fino alla fine del la guerra. Nel 1946 è stato liberato e restituito alla sua famiglia, che ormai si era trasferito da Reichenau alla Waltersdorf ancora più piccolo, un villaggio al confine ceco. Al suo ritorno, la ricezione Horst non era caldo come avrebbe potuto sperare. Commentando su questo molti anni dopo, Gerhard ha spiegato: ". Ha condiviso il destino la maggior parte dei padri al momento ... Nessuno li voleva" 4 In un‘intervista con Jan Thorn-Prikker nel 2004, ha aggiunto: "[Noi] erano così lontani da lui che non sapeva come trattare con l‘altro ". 5 Anche se sembra aver tenuto neutri opinioni politiche, l‘adesione della ex-Horst del Partito Nazionale Socialista - un‘organizzazione che tutti gli insegnanti era stata costretta ad aderire - ha reso praticamente impossibile il ritorno alla didattica, e quindi ha lavorato per un po ‘in una filanda in Zittau vicino prima di trovare un posto come amministratore di un apprendimento a distanza programma per un istituto scolastico a Dresda. 6 Gerhard ricordi dei suoi primi anni sono una combinazione di affetto e la frustrazione, la tristezza e l‘eccitazione. Mentre la sua famiglia ha lasciato Dresda quando Richter aveva solo tre anni, ricorda la casa in cui è nato nel Grossenhainer Strasse, e in particolare la casa della sua bisnonna "non lontano dal Circo Sarrasani originale dell‘edificio, dove da giovane ragazzo ho potuto vedere le bancarelle degli elefanti attraverso le finestre della cantina. La mia bisnonna scatola da cucito, di pelle armadillo. Un uomo cade da una scala - cosa che, secondo i miei genitori, solo che avevo visto ". 7 Piccolo è documentato sulle memorie di Gerhard di Reichenau, anche se i suoi ricordi sul suo tempo in Waltersdorf sono più vividi, non da ultimo perché quando si trasferirono a il villaggio, era già più di dieci anni. E ‘stato descritto come "un bambino molto dotato ma notoriamente cattiva scuola" 8 con Dietmar Elger sottolineando che "ha anche portato a casa brutti voti in disegno". 9 ha lasciato la scuola di grammatica a Zittau e frequenta invece una scuola professionale, dove ha studiato stenografia, contabilità e russo. Oltre a non godere di scuola, si sentiva in realtà non appartengono a Waltersdorf, ricordando: "Noi si era trasferita in un nuovo villaggio, e automaticamente ero un outsider. Non riuscivo a parlare il dialetto e così via. " 10 Come per la maggior parte dei ragazzi della sua età, dal 1942 fu costretto ad aderire al Pimpfe, l‘organizzazione per i bambini che li ha preparati per la Gioventù hitleriana. Per fortuna, era solo un po ‘troppo giovane per essere stato arruolato allo stesso esercito durante l‘ultimo anno di guerra. 11 pur vivendo in campagna, Gerhard le esperienze della guerra erano comunque intenso. A parte le ovvie difficoltà economiche e l‘assenza di suo padre per molti anni importanti del suo sviluppo, la sua famiglia non sfuggì la perdita di personale, con Hildegard due fratelli, Rudi e Alfred, entrambi di essere uccisi in servizio attivo. "E ‘stato triste quando i fratelli di mia madre cadde in battaglia. Prima uno, poi l‘altro. Non dimenticherò mai come le donne gridato ". dodici sorella di Hildegard, Marianne, anche incontrato una fine deplorevole per la sua vita: soffre di problemi di salute mentale, come risultato delle politiche eugenetiche del Terzo Reich che morirono di fame in un ospedale psichiatrico clinica. tredici Mentre risparmiato gran parte del bombardamenti diretta a cui è stato esposto vicino a Dresda, la guerra era molto presente in Waltersdorf. Parlando con Jan Thorn-Prikker, Gerhard ricorda, "I soldati tedeschi in ritirata, i convogli russi, gli aerei a bassa quota sparando i rifugiati, le trincee, le armi in giro dappertutto, artiglieria, ripartiti auto. Poi le invasioni dei russi [...] il saccheggio, stupri, un campo enorme dove noi ragazzi a volte preso zuppa d‘orzo. " 14 Gerhard era affascinato dai militari, commentando: "Quando sono arrivati ​​i soldati per il paese, mi avvicinai a loro e voleva unirsi a loro. " 15 Parlando di Robert Storr, ha spiegato, "Quando sei dodici anni sei troppo piccola per capire tutto ciò che ideologica hocus-pocus". sedici con curiosità infantile e il senso di avventura, lui e i suoi amici avrebbe giocato nei boschi e le trincee, sparando fucili scherzosamente che avevano trovato in giro. "Ho pensato che era fantastico. [...] Sono rimasto affascinato, come tutti i bambini, o tutti i ragazzi ". diciassette Pur essendo giovane, ha capito il significato della guerra, e nel febbraio del 1945, ricorda l‘obliterazione virtuale di Dresda: "Nella notte, tutti sono venuti fuori in strada in questo villaggio a 100 chilometri di distanza. Dresda fu bombardata, ‘Ora, in questo momento!‘ " 18 La fine della seconda guerra mondiale in molti modi ha coinciso con il passaggio Gerhard dall‘infanzia all‘adolescenza, e, ora sotto il controllo sovietico in seguito all‘accordo di Potsdam, doveva essere molto diversa la Germania a quella che era nata in.

 
 
ArtInterni.Com.
 
Asta n 73 ArteModerna.Com...
 
mostre aste eventi
 
ARTINTERNI.com
 
Galleria arte capital
 
Artemoderna.com Casa d'Aste
Presso la galleria ArteCapital viale Venezia, 90 -25123 Brescia
Tel.: 030 37 52 682 Fax.: 030 42701 Cell. 3385689569
Partita Iva : 04300890961
 
Home | Modulistica | Chi Siamo | Le Aste | Compra Subito | Aggiudicazioni | Artisti | Contatti | Registrazione | Link | Riservata

Questo sito utilizza cookie.
Visitando questo sito web si autorizza l' impiego di cookie. Per informazioni dettagliate sull' impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".
Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su OK si accetta la nostra Policy sui cookie.


OK  -  "Maggiori informazioni"